lunedì 12 febbraio 2018

POTREI STUPIRVI CON EFFETTI SPECIALI

E, invece, mi sa che mi limiterò a scodellarvi in fretta e furia sto gran minestrone di pensieri, di post in attesa di essere elaborati, di idee in salamoia che tra un po' fanno la muffa.
Chiedo venia.

Per eventuali intossicazioni non ve la prendete con me, io ve l'ho detto subito che la materia prima in sé non sarebbe neanche male, peccato che non è freschissima.

Mi stimo quando riesco a vendermi bene. Uffffff

Premesso che più passano i giorni, più gli esami di idoneità/maturità dei miei adorati virgulti si avvicinano, più perdo le speranze ma soprattutto la fiducia nell'umanità.
Ci siamo tutti su questo gran carrozzone che punta dritto dritto verso il baratro:
ci son gli adolescenti, i giovani adulti, gli adulti -i genitori, i docenti, i docenti in pensione- solo non si vedono i due liocorni, (che evidentemente sono gli unici veramente svegli, loro al cortese invito hanno risposto "col cazzo").
L'ultimo a salire va per i settanta, capello riccio, semilungo, baffetto ispido, coppoletta e giubbino di panno, pantaloni di fustagno, alito in naftalina. Deve fare le ore di recupero pomeridiane ai ragazzi, cercare di "colmare le lacune".
In Calabria ho visto che fanno così: Apri un cantiere, cominci a scavare per gettare solide fondamenta per qualcosa che quando ci sarà sarà sicuramente meraviglioso, trovi un vuoto/voragine per evitare la sospensione dei lavori da parte delle belle arti fai una bella gettata di cemento e alla lacuna non ci pensi più.
Ho provato a dire al preside che conosco un tizio che ha una bella e capiente betoniera di proprietà ma lui non ha capito o non ha voluto capire.
Nonostante io finisca alle 14 mi fermo per parlarci, mi sembra cosa buona e giusta, oltre al fatto che spero sempre in un miracolo, in qualcuno che davvero sappia fare una magia.
Chissà perché nel mio immaginario anziano è sinonimo di esperienza, equilibrio, generosità.
Sta di fatto che (alle 16.30!) per 15minuti mi parla di quello che ha fatto, di come lo ha fatto, del perché lo ha fatto. E poi mi dice che lui ha insegnato per aaaaanni, ha anche scritto un libro sullo studio di funzione (ma daiiiiiii, e come ti è venuta questa idea? non si era mai mai mai visto prima un libro sullo studio di funzione).
Ha scritto un libro, amore. E quelli non sanno leggere. Amore.
Ed io non so se ridere o se piangere.
Su questo gran carrozzone che, come dicevo, punta dritto dritto verso il baratro mi sa mi sa che lui vuole giocare a chi arriva prima. Con me.
Prego, dopo di lei!

Vado, ceno e torno.
Baci.



15 commenti:

  1. Ahaha non avrai suggerito un modo mafioso di far sparire la gente tramite il cemento?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, il cemento lo proponevo dentro (a riempire i vuoti) non sopra O:-)

      Elimina
  2. L'egocentrismo narcisistico è un malessere trasversale, ovvero buono per ogni età. Ciò detto, avere a che fare con una classe di virgulti forse spinge a sommare le voragini. Se invece li affronti uno per uno ti accorgi che sono fossi, uno per uno colmabili. O no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuuuuu sono voragini, scavate con metodo e costanza negli anni.
      Certo che se lavori one to one hai più possibilità ma non c'è spazio né tempo per questo tipo di lavoro.
      Gettatina di cemento, iniezione compensativa e via.
      Senza star lì a perdere tempo con me che diamine. O no? ;-)

      Elimina
  3. Scrivi un libro anche tu.... anzi... disegna un fumetto, così lo comprendono anche gli alunni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei scrivere il soggetto ma poi è meglio che lo disegni qualcun'altro se vogliamo che qualcuno capisca.
      Se no ci buttiamo sull'astratto e crepi sansone con tutti i filistei

      Elimina
  4. scusa Cirinci, ma non avevano stabilito per legge che fino ai 18 anni tutti devono essere promossi?
    Il famoso 36 politico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, bocciano ancora.
      Poco, male, inutilmente, ma bocciano ancora.

      Elimina
    2. è, ma allora così si hanno figli e figliastri, un po' come la giustizia che deve essere sempre interpretata ed applicata ad personam

      Elimina
    3. I figli ci tengono all'esistenza dei figliastri, sembra li rendano figli migliori (di chi e di cosa poco importa).
      Giustizia mi a tutta la persona, solo ad minghiam.

      Elimina
  5. Tali sono le dimensioni delle lacune? E il capocantiere baffuto nella voragine vuole metterci il suo libro sullo studio di funzione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni e anni di erosione costante di autostima, di entusiasmo, di motivazione, di determinazione, di forza, di volontà e via così.
      Non so se vuole metterci il suo libro, non so che vuole metterci, purché portino a casa il risultato.
      Loro. Non noi. Loro.
      Sperem in ben :-*

      Elimina
  6. ma il preside ti ha poi preso in considerazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il preside è quello che canta è porta la croce!
      È persona intelligente e appassionata ma poco pratico di miscele cementizie...peccato!

      Elimina
    2. E porta la croce, E.

      Elimina