venerdì 10 luglio 2020

PECCATO CHE SIA PECCATO

Io me la ricordo Zia Tonina!
Tutte le volte che lo vedeva in televisione, tutte le volte che lo sentiva parlare alla radio,
seduta in punta alla poltrona, ginocchia strette e leggermente rivolte di lato,
volgeva lo sguardo al cielo sbattendo le ciglia, incrociava le mani sul petto e scuotendo veloce e leggera la testa,  con voce ispirata diceva:

" che uomo! che carisma!
 È veramente una brava persona Berlinguer

AHHHH (sospirone...)

Peccato che è comunista!"

10 commenti:

  1. Ecco manco a vedere 49 milioni di Salvini in TV la zia Tonina porterebbe la mano sul petto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuuuu manco per idea.
      Considerando le motivazioni profondamente religiose di zia Tonina, considerando l'uso sicuramente blasfemo che fa lui dei simboli religiosi, nei giorni buoni potrebbe far dire una messa in suffragio della sua anima nera, nei giorni meno buoni un esorcismo.

      Elimina
    2. Esorciccio tutti i giorni!

      Elimina
    3. Lontano dai pasti!

      Elimina
  2. che belli quei tempi
    ed il bobbolo aveva le sue forti credenze
    che lo sorreggevano nelle quotidiane avversità della vita
    percentualmente i coniugi mortidifame erano di credenza diversa
    con lui rosso e lei no
    una volta ci presi anche uno scapaccione da mio padre perché feci notare che tutti i suoi caporioni morivano in cliniche a 5 stelle e non negli ospedali bobbolari

    RispondiElimina
  3. che nostalgia.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh! Pensare che la cosa che più mi mandava in bestia, da ragazzina, era proprio la nostalgia dei "vecchi"

      Il loro monito " vir c'a Rota ggira"
      Eh!

      Elimina
  4. Fortuna che era Comunista, dico io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, anch'io!
      Ma il tormento interiore di zia Tonina, rosario in mano e occhi a cuore su Berlinguer, è uno dei ricordi più belli 🤗

      Elimina