Visualizzazione post con etichetta Confiteor. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Confiteor. Mostra tutti i post

mercoledì 1 luglio 2020

MEMENTO 62 NAPOLETANIIII

Mettete le mani a paletta sulle vostre nobili orecchie e fate "bla bla bla bla bla"

Se devi cuocere la pasta
impostale quelle 6ore sul timer!

Liberi!
Non è successo niente...l'ho buttata.

lunedì 22 giugno 2020

DA SEMPRE E PER SEMPRE GIOVANE

Essere ragazzina negli anni '80 comportava tutta una serie di accessori per capelli non indifferenti, oltre ad una quantità di lacca extra-strong che buco nell'ozono perdonamichiomaloca.

Mia madre, da poco scongiurato il concerto dei Duran Duran a Cava de' Tirreni, per farmi togliere con le buone il nastro di pizzo alla Madonna, mi comprò un'enorme pinza rossa con attaccati due enormi fiori, tipo un ibrido tra una gerbera gigante ed una stella di Natale.

E fu così che, pinza tra i denti, afferrai la fluente chioma, la raccolsi e zac!
Di tre quarti, davanti allo specchio, mi guardai  e fieramente dissi " Si, come Nilde Iotti!"

lunedì 15 giugno 2020

CONFITEOR #5

L'ho fatto. E' successo. Di nuovo. Finalmente.
Dopo tre mesi di durissimo isolamento,
dopo tre mesi di faticosi equilibrismi tra trovare e mantenere la giusta distanza, non isolarsi, non perdersi nell'iperuranio, non flirtare col gorgo buio dei miei pensieri neri , dopo tre mesi, dicevo, 
ho abbracciato qualcuno!

No, pardon, qualchedue; perché due sono, sei mesi in due di meraviglia occultata al mondo dal lock down. E forse  forse, pensi,  non tutto il lockdown vien per nuocere!
Ed erano talmente belli loro che lì per lì non ci ho neanche fatto caso.
Ci ho pensato di  notte, a casa, mentre richiudevo il mio libro e lo posavo affianco al cuscino, come ultimo gesto prima del sonno.
Il mio primo abbraccio!
La meraviglia!

#Incasodiinsonniaallungareilbraccio
(ah, accendere la luce!)

sabato 6 giugno 2020

TOUCHÉE

Un giorno piove, l'altro c'è il sole, un giorno piove l'altro c'è il sole.
E nel giorno buono Cincia si arma di scarpette e mascherina e va.

Sai quando cammini, garrula e felice, col sole che ti spinge sulla schiena e ti viene voglia di sorridere? Ecco.

E mentre son lì che sorrido mascherata a me stessa e al mondo  lui, biondino e riccioluto sconosciuto, si tira su di scatto dal passeggino, piega la testa di lato, solleva il sopracciglio, mi punta contro l'indice paffuto e fa
"ehi tu, tu hai mangiato il cioccolato..."
E ride.

Traditrice fu la mascherina.

PS: Cioccolato e pistacchio salato, una bomba!


venerdì 13 marzo 2020

AL TEMPO DEL COPRIFUOCO

Apri la porta , chiudi la porta, accendi la luce, molla le chiavi, apri la scarpiera, chiudi la scarpiera

AHHHHHH

Piglia lo spruzzino, apri la porta, spruzza la maniglia, chiudi la porta, spruzza la maniglia, spruzza l'interruttore, spruzza le chiavi, apri la scarpiera, spruzza la scarpiera, chiudi la scarpiera, spruzza la maniglietta....
disinfetto pure l'anima de li mejo mortacci loro



martedì 21 maggio 2019

CONFITEOR #4

Al suo primo ricevimento scuola-famiglia, Cinciapiccola era talmente convinta di trovare il buffet e pure la musica che aveva preteso di andarci con le scarpette da ballo, quelle di pelle lucida col fiocchetto.

lunedì 4 marzo 2019

CONFITEOR #3

Quando ho fame, ma veramente fame,
butto quei 10g in più di pasta
"ché sai, se devo vedere se è cotta..."

Confiteor sottotraccia: quante cazzate pur di non scrivere quello che dovrei.
È che mi serve tempo e nel frattempo rode rode rode, uh se rode!

martedì 19 febbraio 2019

CONFITEOR #2

Durante l'ora buca,
mentre avrei dovuto correggere compiti che il mio cuore non poteva reggere,
ho peccato di curiosità
(però le pareti di cartongesso non le ho volute io, oh signore!)

Ho udito la prof di psicologia spiegare Freud portando ad esempio la nonna che soleva dire
"Non ti toccare il ffappipì,
non ti toccare il ffappipì (non sono io a voler indulgere nel peccato, oh signore, è stata lei -più volte- a ribadire il concetto)
non ti toccare il ffappipì ché te lo tagliooooo)"

Il ffappipì

IL FFA PPI PÍ

Tre pater noster e almeno trentordici gloria patris.
Amen.

mercoledì 6 giugno 2018

DA GRANDE FARO'...

Il ministro dell'economia!

C'era una volta una piccola Cincia, o una Cincia piccola, che passava i suoi giorni, o gran parte dei suoi giorni, a casa di zia, o meglio sarebbe dire prozia.

Coccolata, viziata, accudita, strapazzata, spupazzata, passata di abbraccio in abbraccio per tutte le case del vicinato, ogni pomeriggio chiedeva il gelato.

La Cincia chiedeva e la zia rispondeva.
La risposta era sempre si ma ogni volta si doveva passare dal "Non si chiede. Non si chiedono i soldi. Io sono povera i soldi non ce li ho"

Un bel giorno zia e nonna sedute vicino al fuoco, la Cincia in giro per la stanza, cinquemila lire lasciate sul tavolo.
Un solo principio, un solo criterio: la congruenza!
La Cincia prende le cinquemila lire dal tavolo e serenamente le butta nel fuoco.

La zia ha chiesto " perché?" e la Cincia ha risposto:
"Ma voi siete povere, soldi non ne potete avere"


sabato 8 luglio 2017

CONFITEOR 1

Avevo un fidanzato che tutte le mattine aggiornava su grafico excel l'andamento del prezzo del petrolio.
Detto fidanzato sosteneva che il divieto di guidare a piedi nudi nascesse dal fatto che  la riduzione di sensibilità (mediante uso di calzature di adeguata rigidezza) sul pedale dell'acceleratore determina un incremento del consumo di carburante.


PS:casomai vi domandaste come mi è venuto in mente, sappiate che è tutta colpa di @davidone74

CONFITEOR 0

Confesso di aver sicuramente rilasciato, negli anni,  dichiarazioni imbarazzanti in lungo e in largo per il mio blog ma di non aver la benché minima voglia di andare a ripescarle.

Nuntio vobis:
 questa serie comincia qui.

mercoledì 23 novembre 2016

CONFITEOR: IO AMO QUEST'UOMO #3

Tony Tammaro Tokio-Londra-Scalea

Un amore di aaaaanni!

E' per questo che voglio inaugurare il mio ritorno al blog con un omaggio al grande maestro Tony Tammaro che proprio in questi giorni, nella sua smisurata magnanimità, ci è venuto a trovare lungo lungo fino a Milano.

E' mia intenzione
(Ci provo, mi impegno. Non dico che potete stare proprio senza pensieri ma quantomeno rilassati si)
seguire la sua discesa verso sud, accompagnando le tappe della sua conquista dell'Italia
Milano-Bologna-Roma- Salerno
con la pubblicazione della mia personale saga "LA TAMARREIDE".

Queste mie pagine vogliono essere si un omaggio ma anche una sorta di risarcimento per gli anni passati.
Infatti:
Nella landa sperduta in cui io sono cresciuta le "grandi cascette" ce le avevano solo  "i fruttaiuoli"
e per avere news del maestro bisognava aspettare agosto quando l'amica C. le portava pezzotte da Napoli.

Massimo Rispetto e Stay Tuned