Visualizzazione post con etichetta and the winner is.... Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta and the winner is.... Mostra tutti i post

mercoledì 15 febbraio 2017

I CONTI NON TORNANO

Nelle ultime 48 ore, sono stata amabilmente "importunata" tra 3 ottuagenari.
Al ristorante, alla cassa del supermercato.

Ora, mentre son qui a riporre generi di conforto e di prima necessità, faccio 2 conti:
3*8=24
24/4=6

Non dico tutti e 6 ma almeno 2 40enni potrebbero prendere qualche ripetizione.

sabato 10 dicembre 2016

A TUTTA RANDA

Sul grande mare del mondo del lavoro c'è bonaccia.
Soffiando sulla vela (è la tenda del salotto si, è quella!)
destreggiandosi tra squali e pirati,  è già difficile approdare su un isolotto sperduto e strappare un caffé, un sorso d'acqua e un colloquio.
E solo Nettuno sa quanto sia difficile arrivare in queste condizioni col tailleur ancora in ordine, la piega a posto e il mascara che non cola.

Però però però
SE
dopo aver doppiato il capo di  buonasperanza, sfidato i 40 ruggenti, i 50 urlanti e i 60 stridenti
mi ritrovo difronte a uno
CHE
gomito bel saldo davanti al suo ombelico,a mano tesa, ondeggiando a destra e sinistra l'avambraccio mi dice (e mi ripete più volte, casomai non fosse chiaro, sai, alle volte, l'ambiguità del linguaggio del corpo)
"Signorina, quello di cui parliamo è un ambiente complicato,difficile, ostico a tratti.
Lei ha le capacità di tenere la barra dritta?
Lei pensa di avere la forza di tenere la barra dritta?"
ALLORA
devo dire che io sono una signora (signorina a chi?...signorina a soreta) e in questo specchio di palude salmastra non scendo: faccio spallucce, reclino un po' il capo, faccio una smorfia di sufficienza e taccio.
MA
se c'è una cosa che so fare è pensare, e sono veloce.
ANCHE SE
quello che ti direi è ch'io posso metterci tutta la buona volontà, l'attitudine, il talento, l'esperienza, l'impegno et similia
MA
non posso dare garanzie sul risultato
PERCHE
una cosa è certa: la barra non è mia.

E comunque continuiamo ad essere a Frittole, 1400 quasi 1500.



sabato 28 febbraio 2015

COME DIREBBE MIA NONNA

FEBBRAIO?!?  Curtu e malicavatu!!!

Ho resistito con tutte le mie forze, ho fatto appello all'empatia, all'amore e lì dove non bastasse anche al senso del dovere, ho schierato tutte le mi difese, ho stivato i viveri, ho affilato le armi.

Non c'è stato niente da fare.

Sono miseramente caduta, ho capitolato sotto gli attacchi ( e non vi dico che attacchi!!!) dell'influenza.
Si è insinuata strisciando, la zoccola, ha eroso piano piano tutte le mie risorse e poi BBBBUUUMMMM
è esplosa in tutta la sua potenza devastatrice.

Ci ho messo una settimana prima di potermi alzare dal letto.
Una settimana prima di poter fare il mio primo pranzo...riso in bianco e uovo alla coque.

Sono esausta.

E comunque, visti gli effetti, più ci penso e più mi sembra realistico...
mi sa che le mie nipoti le addestra l'isis.




giovedì 4 dicembre 2014

TENERE LONTANO DALLA PORTATA DEI BAMBINI

S'è rotto il forno.
Cerca il forno, guarda il forno, ma forse che si, ma forse che no, ma si ci penso e poi eventualmente ripasso.

E poi succede, perché è così: quando l'amore arriva arriva.
E proprio come accade in amore c'è qualcosa che ci aggancia lo sguardo,
che calamita l'attenzione, che ci accalappia e ci fa battere il cuore;
tutto il resto, importante/non importante poco importa, si sfoca sullo sfondo,
dalle brume si staglia il dettaglio amato, la sorgente di ogni gaudio:
il girarrosto.

Ero piccina e quando la mia mamma non ce la faceva più a reggermi,
o semplicemente aveva da fare ed in qualche modo doveva pur disinnescarmi,
mi preparava il pollo allo spiedo.
LA GIOIA!
A quel punto prendevo la mia poltroncina (in paglia di vienna, con braccioli), mi sedevo davanti al forno
e non mi muovevo da lì fino a quando non era pronto.
IL POTERE DELL'IPNOSI!

Ed è così che quando, taglierino alla mano, mi sono avventata sulla fascetta strozzacavo che saldamente legava il mio girarrosto alla griglia (mia anche quella, giuro l'ho pagata, ma bisogna essere onesti e dare alle cose il loro nome: non è amore)
praticamente avevo tre anni!

*Il seguito è destinato ad un pubblico adulto e non impressionabile
(ammesso e non concesso che qualcuno abbia conservato interesse leggendo queste due forchettatine di cazzi miei)

Ed a tre anni è facile che ti scappi il taglierino e che violentemente ti affetti il dito e che tu te ne accorga solo perché lo senti rimbalzare sull'osso.
Sangue ovunque, manco stessi sgozzando un pollo!




giovedì 27 novembre 2014

BRUCERO' DI NOIA

Mi sveglio sempre porconando.
Esco di casa canticchiando.
Metto in moto che già canto.
(imbarazzante, sorvolate!)
Parcheggio e ammutolisco.
China in avanti come se andassi perennemente controvento guadagno l'ingresso del palazzo.
Salgo le scale come si sale al patibolo.
Più salgo  più aumenta il frastuono del traffico, gente che si scapicolla per andare a prendere l'autostrada.
Ed io mi chiedo "perché?"Perché io, perché loro, insomma perché???

Se tutto va bene le luci sono spente. Sono da sola.
Mi metto comoda, mi faccio un caffé e ricomincio a cantare.
(è comunque sempre imbarazzante. continuate a sorvolare!)

Se bene non va la luce è accesa. Lui  c'è ed è seduto alla sua scrivania che guarda il muro.
Come un tafano.
Mi metto comoda, mi faccio un caffè e mi metto le cuffie.
Onestamente? Non ce la faccio ad ascolare musica in cuffia per 6 ore quindi Si, a volte fingo.

Ma questa volta no. Questa volta Stromae a palla e via.
Mi è sembrato di sentire qualcosa. Ho sporto il capino dal monitor e si, ce l'aveva con me.

Allarme antincendio del palazzo. A palla. Bisogna evacuare gli uffici.

Ho fatto fagotto e sono andata.
Sono uscita seria.  Ma più scendevo le scale più ridevo come una cretina.
Pensando a me. A Stromae. Alla fine del rattino che avrei potuto fare.
(comunque nemmeno una scintillina, tranquilli. niente cincia al cartoccio questa sera!)
A lui che non ha abbandonato la bagnarola.
Alla bagnarola che comunque è affondata.
Un altro mese di galleggiamento poi pluffff, più!




domenica 13 aprile 2014

DOPO MATTATOIO N°5

...SPAGHETTINO N° 3

Pasta?
Pasta!

Ho troppa fame, questa ci mette troppo tempo cuocere, meglio questi. ça va?
ça va!

Ha preso una pentola bella alta, ci ha messo dentro due dita d'acqua, del sale grosso preso da una graziosa ciotolina arancione e poi giù un abbondante giro d'olio d'oliva.
E fin qua, per quel che ne so io, va benissimo anche per togliere l'affascino.

Ha preso una pentola bella bassa, ci ha messo dentro dell'olio d'oliva e poi giù una bella bottigliata di passata di pomodoro.
ok,comincio a capire.

Da qui in poi, immaginatevi ai fornelli la dea kalì.

Nella pentola alta alta ci è finita al volo volo tutta tutta l'acqua del bollitore.

Un colpo secco e taaaaaaaaaac
mi ha spezzato a metà gli spaghettini (e con loro il cuore!)
che sono finiti dritti dritti nell'acqua bollente.

Dal frizer è sbucato quello che poi si rivelato essere un medaglione di carne trita che è stato prontamente lanciato al microonde.

Padellino. Olio.

E per gli spaghettini IL BIG BANG HA DETTO STOP
Scolapasta e via.

La trita nell'olio, veloce!
E giù mazzate col cucchiaio di legno.
Gira gira gira
e ciaffffffffff
va' la trita che è finita nel sugo.

...e va' gli spaghettini che sono ancora nello scolapasta.

Tapini loro, avran mica preso paura per qualche cosa?
Sarà mica per questo che quando hanno visto il forchettone gli si sono attaccati intorno tuttiinsiemevicinivicini?

Ma io ho messo l'olio? Ma come si fa per non far attaccare la pasta?
ehhhhhhhhhh mon cher

E comunque ieri sera l'ho sentito...per cena cucinava lasagne







domenica 15 settembre 2013

MILAN L'E' UN GRAN MILAN

ma Binasco non scherza un cazzo!!!

Ieri sera a Milano c'era:
il festival del cinema,
l'imprò di Teatribù a Zelig,
Elio e le storie tese al carroponte.

Cincia ed un manipolo di amiche si sono armate di piantina
(e nonostante questo sono riuscite a perdersi quelle due o tre volte)
e si sono dirette, dirette, al Circolo Ricreativo Binaschino
per-udite udite- una serata tributo a Maicol Ggecson,
animate dal più grande amore per la musica ma sopratto per il chitarrista figo!

Risotto ai funghi, patatine fritte, panino con la salamella e birra
tanto per entrare in serata col piede giusto.
Un signore meraviglioso, di borsello munito, ci presenta la serata conclusiva di questa rassegna dedicata alla musica d'autore.
Avrebbe potuto essere indifferentemente la serata tributo a M.G.
come la serata tributo a Gimmi Fontana.

Ma ora lasciamo parlare la musica.
Perché le batterie alle feste suonano sempre effetto tolla? E vabbuò.
Bravi sono bravi! Ed anche divertenti!
A mettere a zero il volume (ché si sa, la Cincia ha una grande capacità di astrazione...
qualcuno la chiama anche capacità di alienazione/allucinazione, ma è una brutta persona)
potrebbe essere indifferentemente la serata tributo a M.G. come la serata tributo a Raul Casadei.
Ah no, qui ho toppato: mancano il sax e la fisa (sempre viva la fisa!).

E si sa che quando la musica chiama il corpo può solo rispondere!
Ad animare le danze una coppia di giovani ballerini gentilmente ceduti, solo per questa occasione,dal T.F.T.
ossiaaaaaaa
(li sentite i tamburi che rullano si? forza, fate come me, allenate la vostra capacità di allucinazione)
Tiziano Ferro Tribute.
Ribadisco e sono seria: Circolo Binaschino tanta roba,alla scoperta di nuovi mondi sconosciuti.
Bravi loro. E simpatici. E generosi col pubblico.
Ma quanti cazzo di danni hanno fatto Bbraian e Gherrison?!?

Mi astraggo solo un attimo ancora e mi domando
Perché le cantati dei tributi a M.G. o G.F. o anche a R.C. possono fare la permanente solo una volta all'anno così da avere quei dieci centimetri di ricrescita liscia e poi sotto tutto uno spumeggiare di frisé???

Serata scoppiettante. La musica, la danza, la lotteria e che vuoi, è saltata pure la luce.
E' girata voce che all'entrata in funzione della terza friggitrice l'impianto non abbia retto. mah.
Detto tra noi credo che le ombre su questo mistero non si diraderanno mai.
E comunque non abbiamo vinto né la coppa né il salame!

Unica nota stonata della serata
"E adesso bambini andiamo a conoscere M.G.
NOOOOOOOOOOO I BAMBINI NOOOOOOOOOOO

http://www.youtube.com/watch?v=TcZ3if8iuCs




martedì 22 gennaio 2013

CI-SCIVOLAI

Cosa non fa un pavimento pur di farsi lavare...
Tipo che si rovescia addosso una bottiglia d'olio!
Non una bottiglia che sta per finire, ovvio.
Lui vuole LA bottiglia che è stata scelta tra milioni di bottiglie urlanti dagli scaffali del supermercato
"scegli me, io costo poco...scegli me, io ho un colore bellissimo...scegli me, scegli bio!".
LA bottiglia di olio extravergine d'oliva, italiano fin nel nocciolo, oh monocultivar, spremuto a freddo.
Mica cazzi!

LA bottiglia che appena è entrata in casa è stata appesa con tutto il sacchetto,
oltre che con grande cura,
(perché io quando entro in casa non devo mai fare la pipì come se fosse l'ultima cosa da fare per potermi salvare la vita!)
alla spalliera dello sgabello.

E proprio mentre io ero intenta a salvarmi la vita
lui, quell'infame lurido...in senso metaforico e non!, che fa?!?!
Piglia la bottiglia e se la tira addosso, così, per gravità.


PS: Capisco che magari avrei anche potuto fare a meno di raccontarvi 'sta cosa della quale se anche non ve ne può fregare di meno, credetemi, non vi biasimo.
Non è la cosa in sé quanto il pericoloso trand che ha preso questo 2013 che ho bisogno di condividere.

venerdì 5 ottobre 2012

CHI LO AVREBBE MAI DETTO...

Ho vinto un premio!!! 
(un'emoticon che salta e balla non c'è ma fate come se ci fosse)


Non che io abbia mai partecipato a niente che mi potesse portare a vincere un premio...

ma io son quella che vorrebbe vincere al superenalotto e sono pure quella che non gioca perché è profondamente contraria al gioco!
Io ed i miei principi spesso ci andiamo nei piedi a vicenda.
E tacchete che inciampo!

E poi il premio me l'ha dato V. ...e questo si che è un V.alore aggiunto!

Il manuale del piccolo vincitore di premi recita così:
regola numero uno: citare chi ha inventato il premio. 
Roberta-Roby Beauty -manca il link, non c'è, se perso. un po' come si perdono le parole nel telefono senza fili...
regola numero due: citare chi ti ha assegnato il premio. è lei,V. più la leggo più mi ritrovo.
regola numero tre: premiare altri cinque blog.
pastadipestodirospi perché come vede il mondo lui...
peschina perché è poesia!
raspi perché altrimenti il mio gatto mi toglie il saluto
jay perché anche la sua malinconia è in technicolor
suarakamansa perché mi fa troppo ridere e poi è il padre delle mie nipoti...e non saprei quale delle due cose è successa prima.

E qui mi DEVO (le regole sono le regole) fermare.

La canzone con i diamanti è questa ed è una delle canzoni che amo di più!

Baci!