sabato 4 agosto 2012

MARE PROFUMO DI MARE


Troppe braccia per non abbracciarti
 tentacoli senza tentazioni
troppe braccia per non abbracciarti
tentacoli per cercarti


Mentre ascolto penso
alle mie braccia legate, alle mie tentazioni negate, ai miei abbracci mancati.
Cavalco l'onda anomala della tristezza e prima che si possa infrangere in mille lacrime salate
CEDO:
a strascico svaligio il bancone del pesce.

Il Polpo si affoga nel suo stesso amore.
Conchiglie  e code per la sirena incantatrice.
Bollicine salgono a increspare la superficie del mio bicchiere,
mi esplodono sul palato, mi fanno il solletico al naso.

Ché non c'è bisogno di andare fino in fondo al mare,
ci si può perdere anche in un bicchiere, la differenza la fa quello che ci hai versato.

14 commenti:

  1. Affogare la tristezza nel bicchiere ( e nel polpo...)redcats

    RispondiElimina
  2. la tristezza è evaporata con la vodka sfumata sulle code di gambero;-)
    il polpo è affogato per troppo amore...glielo dicevo io, troooopo buono!

    RispondiElimina
  3. bbbono il polpo mi hai fatto venire voglia

    RispondiElimina
  4. bbbono si, e siccome era tanto ci è uscita anche una pasta polpo e ceci ;-)

    RispondiElimina
  5. vodka sulle code di gambero?
    curiosa ricetta

    RispondiElimina
  6. @WD
    non male, ti dirò!
    wodka ed erba cipollina, per la precisione.

    @nez
    vinicio ed il suo album capolavoro.
    lo ascolto e lo riascolto e non mi stanca mai.

    RispondiElimina
  7. l'erba cipollina mi dimentico di averla e poi, ogni tanto, zac salta fuori dal barattolo. bah!

    RispondiElimina
  8. in pratica ci sei rinciampata?

    RispondiElimina
  9. diciamo che un fastidioso moscardino, di nascosto, ha allungato il tentacolo per prendermi la caviglia. Un passo falso, in controtempo, uno strattone e via, mi sono liberata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che per un momento avrei tanto voluto essere uno squalo martello...

      Elimina