giovedì 4 luglio 2013

OLTRE

Oltre la paura di essere nuda davanti al boia.
Oltre la vergogna di essermi masticata e poi sputata.

Nuda. Tanto non mi guardi.
Nuda. Tanto non mi vuoi.
Nuda. Avanzo inesorabile tra le fauci del boia.

Un centimetro, ancora uno.
Sono arrivata fin qui e non è successo niente.
Un centimetro ancora, uno.

Brividi. E' freddo, non è paura.
E così mi sento:
ti sfido e fremo, mi sfido e non capisco.

Nuda. Tanto non mi guardi.
Nuda. Tanto non mi vuoi.
Cieca. Tanto non mi vedi.

E nemmeno io ti vedo.
Guardo solo la mia mano.
E sono tuta nella punta di quelle dita.

Qui. Ora o mai più.
Qui. Davanti a tutti e davanti a nessuno.
Nuda. Apro gli occhi e sento forte di essermi salvata.

23 commenti:

  1. L'importante è essersi salvati.
    :-*

    RispondiElimina
  2. l'importante è aver provato delle sensazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante non era partecipare???

      Elimina
  3. certe trasparenze sono mattonate, poi con i denti rotti si riparte: c'è un mondo lì fuori dove l'aria è lieve e fresca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si! c'è il sole. gli uccellini cinguettano. si sente l'infrangersi delle onde sugli scogli.
      devo dire che si sta un gran bene. :-*

      Elimina
    2. secondo me tu hai avuto già la terza dentizione :)

      Elimina
    3. o forse ho i denti in triplice fila come gli squali :-D (va che sorriso!!!)

      Elimina
  4. Bentornata allora. Più forte, più consapevole.

    RispondiElimina
  5. la guardo anch'io, quella mano. e ti cerco sulla punta delle dita. ci sei tutta, dici.
    e non conta che sei nuda, non conta che sei cieca.
    conta che sei tutta lì. che sei tutta nella punta delle dita.
    e che ti guardi per non guardare il boia.
    ma è andata bene, senti forte la salvezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni ci sono voluti prima di capire veramente che è andata bene così, che mi sono salvata, che mi devo dire grazie (e non più solo "scusa")

      Elimina
  6. Cristiano17:09

    Se anche Dio esistesse, io lo negherei e rifiuterei la salvezza, perchè soltanto chi crede sarà salvato, almeno sostengono così tutte le religioni. Per tutto il male, il dolore, la miseria e l'ingiustizia sociale e morale che non hanno alcuna giustificazione e nessun senso, e che permeano di loro stesse da sempre e fino alla fine dei tempi occuperanno questo cupo, arido e disperato mondo, per tutto questo io comunque ricuserei l'eventuale salvezza concessami da Dio, in nome di ciò che non verrà e non sarà mai redento.
    Se anche si verificasse l'avvento della piena e dispiegata libertà per ciascun vivente, anche la più insignificante delle lacrime versata in precedenza, prima di tale compimento, renderebbe vana ed iniqua la Liberazione e quindi non più auspicabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, in qualità di dio del mio mondo, mi sono salvata.

      Elimina
  7. sei oltre, sei salva, hai pubblicato. tombola.
    bentornata :)

    RispondiElimina
  8. Oh ma qui nessuno nota la cosa più importante, Santa pazienza?
    Sei nuda, cacchio!!!
    E quando ci ricapita???
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco lo sapevo.
      il solito blog di donne nude.
      ecco.

      Elimina
    2. oh Ade,onesto onesto non lo so quando vi ricapita.
      ma credo che sarai comunque ancora l'unica che se ne accorgerà...quindi mi spoglio serena :-D

      reeeeeeeeeeeeed
      vedi. in fondo in fondo, scava scava, sono tutte uguali!

      Elimina
  9. di esserti salvata, e da sola a occhio e croce.
    ben fatto

    RispondiElimina
  10. http://www.youtube.com/watch?v=Yqk2g4LliZM

    : )

    RispondiElimina