sabato 20 luglio 2019

TANTO PE' PARLA'

Lenzuola blu per il puro gusto di far finta di galleggiare sul profondo mare.
Non è la brezza, è il ventilatore.

Intorno, a dare il cambio alle bambole di quando ero bambina, libri. Quelli già letti e ancora da recensire, quelli in attesa di essere letti.
Tutti sul letto.

Se qualcuno mi chiedesse, adesso, qual è il libro che porterei sull'isola deserta -perché solo lì ti può portare una zattera lenzuolo sospinta da uno scirocco di ventilatore-
probabilmente lo darei in pasto agli squali.




25 commenti:

  1. Inizio a far pacchi per il trasloco!!!...me cambio con te quanno te pare... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo TRASLOCO, a luglio poi, una delle parole in grado di incutere terrore panico e paura.
      Ti sono vicina.

      Forza. Poi, starai bene. (Poi)

      Elimina
    2. E' proprio quel "poi" che mi consola.. ma lo vedo lontano e impercettibile come avvolto in una nebbiolina umida e lattiginosa... ;)

      Elimina
    3. Al di là della fatica fisica che, in minima parte, si può condividere e/o ripartire c'è una fatica tutta mentale che offusca si l'orizzonte.
      Quello che mi ha aiutata davvero, quando ho potuto, è stato buttare il culo oltre l'ostacolo.
      Piuttosto per terra nel vuoto possibilista della casa nuova che sul conosciuto materasso ma circondato da un passato più che saturo.

      Resistete! Le nebbie si diradano

      Elimina
  2. haha, e allora aspetta di approdare, con questa zattera, in isole diverse e nuove :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D

      Ho scelto tra i papabili compagni di viaggio "la misura del mondo"
      In tema, davvero!

      Te lo consiglio (se non lo hai già letto)

      E allora buon viaggio ;-)

      Elimina
  3. Che so' e lenzuola blu che se pijjano coi punti der conad ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo sono le lenzuola blu preferite che ho comprato allo spaccio della bassetti.

      Elimina
    2. eh già, quelli del conad blu notte hanno tutte stelline e nelle federe dei cuscini anche uno spicchio di luna grande, niente pesci, molto adatte per una lettura al chiaro di luna

      Elimina
    3. Eh...però così adesso le voglio le lenzuola della conad

      Elimina
  4. Sta storia del libro unico sull'isola deserta non l'ho mai digerita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti, ma che roba brutta eh?

      Elimina
    2. Ma brutta brutta, giusto a uno che partecipa al grande fardello puoi dire scegli un libro solo: ci fa sei edizioni e gli avanzano pure pagine con un libro

      Elimina
    3. Anche un po' il grande fragello

      Elimina
  5. bella suggestione le lenzuola blu....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro, si!!!
      E poi ne ho un paio verde prato, ho comprato le federe con tutti i petali acquerellati...meravigliosi

      Elimina
  6. Alla fatidica domanda, rispondere: farei un'isola deserta fatta di tutti i libri del mondo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che Alessandria e Alessandria d'Egitto...
      Tze!

      Potremmo chiamarla Gilli Island?

      Elimina
    2. Potremmo :-) well, the pleasure, the privilege is mine :-)

      Elimina
    3. Aggiudicato allora.
      Salpiamo e vediamo quando arriviamo

      Elimina
  7. Perché limitarsi a un solo libro quando, nel baule, comprimendo vesti e ammennicoli, è ben possibile portarne di più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti!
      Che poi, i vestiti li puoi mettere pure sottovuoto

      Ah, benvenuto!
      O siete due? Ho buttato un occhio da te ;-)

      Elimina
  8. su un'isola deserta porterei robinson crusoe, così spoilero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D
      Ti imboscherei in valigia l'isola del tesoro, giusto per farti ricevere qualche visita ogni tanto (i pirati non sono sempre carini però vuoi mettere quanto girano e quanto parlano...spoiler a macchia d'olio)

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina